SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Installare delle telecamere nei luoghi di lavoro non è così semplice come si può pensare. Riprendere a qualsiasi titolo soggetti o beni immobiliari, tocca obbligatoriamente la normativa Privacy, collocando questa esigenza di tutela aziendale a metà strada tra la tutela dei beni e dei dati aziendali (e la sicurezza dei dipendenti) e la tutela della privacy del personale ripreso dalle videocamere.

In realtà, le regole che definiscono la possibilità di installare delle videocamere nei luoghi di lavoro, le modalità con cui è possibile riprendere i dipendenti e i tempi di ripresa e di conservazione delle registrazioni video, vanno seguite scrupolosamente per non incorrere in spiacevoli sanzioni.

In sostanza, per poter installare una o più videocamere nei luoghi di lavoro, si devono rispettare i seguenti punti:

  • Informare tutti i lavoratori della videosorveglianza, fornendo loro un’informativa comprensiva di consenso scritto;

  • Nominare un responsabile della gestione dei dati video registrati;

  • Posizionare le telecamere solo nelle zone a "rischio", evitando di riprendere in maniera unidirezionale i lavoratori impegnati nella normale attività lavorativa;

  • Affiggere dei cartelli che siano ben visibili in termini dimensionali e di posizionamento e che informino i dipendenti ed eventuali clienti, ospiti o visitatori della presenza dell’impianto di sicurezza video;

  • Conservare le immagini per un tempo massimo di 24-48 ore (salvo rarissime eccezioni da valutare).